Pubblichiamo la sintesi di una ricerca di Elisabetta Strickland, dell’Università di Roma Tor Vergata e dell’Osservatorio Interuniversitario sul Genere, Parità e Opportunità, sulla presenza della violenza di genere in contesti di povertà.

L’analisi è condotta sulla base di dati raccolti dalle Nazioni Unite, e in particolare dalla WHO, e riporta anche delle iniziative di contrasto, soprattutto sul fronte dell’educazione e della legislazione.

Per concludere che il cambiamento è possibile, anche se molto difficile da sostenere

Violenza contro le donne: un flagello soprattutto nei paesi più poveri

LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE: UN FLAGELLO SOPRATTUTTO NEI PAESI PIU’ POVERI